Manifesto

Qui non si fa la rivoluzione ma bisogna provarci o è inutile scriverne.
Quindi cercheremo sempre gli errori e il coraggio, la rinuncia al potere, la volontà di credere ancora nell’umanità, nell’amore, negli uomini e nelle donne, nei bambini e nelle bambine, nel teatro, nella letteratura, nei pazzi, nell’architettura, nell’urbanistica, nei collage, nei viaggi, ovunque si vada, con qualsiasi mezzo, nell’ambientalismo, nei pesci, negli amanti abbandonati, nei palazzi caduti, nei pensieri non scritti, nei pennelli, nell’acqua, in chi ha la precisa intenzione di sputare nel piatto dove mangia, in chi resiste e in chi si rifiuta di farlo, nella cancellazione delle gerarchie e nella vittoria finale del sonno.

Non andremo molto lontano o arriveremo lontanissimo. Durante il viaggio potremo essere allegri se incontreremo chi ci offrirà da bere e la sua compagnia. Confesseremo i nostri peccati a tutti quelli che non vorranno ascoltarli e ci pentiremo incrociando le dita, girato l’angolo ricominceremo.
Cercheremo l’amore in tutte le sue forme, specie quelle che non capiamo. Metteremo a disposizione di tutti la nostra collezione di pianeti sconosciuti, creeremo labirinti senza farci caso e rinunceremo a uscirne. Regaleremo tutto quello che ci serve e ruberemo il superfluo.

Non siamo pronti ma abbiamo già iniziato. Siamo già vecchi e saremo giovani per sempre.
Non siamo uomini, non siamo donne, non siamo cresciuti, non saremo mai morti perché non abbiamo mai chiesto di essere nati, non si tratta di sì, non si tratta di no, non c’è più alcuna trattativa, è già successo, malgrado le mosche.

Malgrado le mosche è una rivista letteraria insoddisfatta.

malgradolemosche@gmail.com

search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close